L’Amazzonia brucia, ma non è la prima volta

Sono oltre 9.000 gli incendi sviluppati fin dalla scora settimana nelle grandi foreste pluviali del Brasile, in direzione di Bolivia, Paraguay e Perù. Sappiamo che quando scoppia un incendio la sua matrice può essere variegata, a volte ci sono incendi naturali, ma sono di piccole dimensioni, bruciano vicino al terreno e vengono rapidamente estinti dalla pioggia. Ma quando l’azione è dolosa, può diventare davvero incontrollabile. Ogni anno le fiamme che si fanno presenti in questo lembo di terra meravigliosa, quando appiccate intenzionalmente, sottostanno ad un disboscamento utile a far spazio a terreni agricoli e pascoli, poi acuite dalla stagione secca. In questi giorni però si sono allargate a macchia d’olio, con un aumento del 75% rispetto allo scorso anno, secondo i dati del National Institute for Space Research (INPE) brasiliano. I danni, Ahimè, sono ben visibili dallo spazio. (Le foto sono AFP/Getty Images e Hans Silvester/Gamma-Rapho/Getty) 

Continua...

ENGIM il suo impegno a Cana Guadua per la foresta amazzonica...

Per saperne di più...

Anche l'Africa brucia. Forse più dell'Amazzonia...